Home
  La mission
  Il team
  I nostri servizi
  Contattaci

Manualistica

 

 

Trasmissione di moto ad un assale, lo studio [Codice Atlantico, foglio 1049]
Leonardo Da Vinci

 

 

Consulenza
Direttiva Macchine 2006/42/CE e D.Lgs. 17/2010

La direttiva macchine 2006/42/CE è un insieme di regole definito dall’Unione Europea rivolto ai costruttori di macchine al fine di garantire l'immissione nel mercato e la messa in servizio di prodotti sicuri per l'utilizzatore. E’ stata recepita in Italia il 6 Marzo 2010 dal D.Lgs. 17/2010

   
  L’esperto del prodotto fornito è il costruttore e dunque è un dovere del costruttore garantire che il prodotto sia esente da vizi e difetti ed informare l’utilizzatore delle corrette modalità di uso e di manutenzione del prodotto stesso per garantire nel tempo la condizione di sicurezza presente al momento della consegna. In pratica il costruttore è soggetto ad una serie di responsabilità che si esplicano a vari livelli, sia all’interno dell’azienda che all’esterno.
ART. 1 (Campo d'applicazione) - D.Lgs. 17/2010
  1. Le norme del presente decreto legislativo si applicano ai seguenti prodotti: a) macchine; b) attrezzature intercambiabili; c) componenti di sicurezza; d) accessori di sollevamento; e) catene, funi e cinghie; f) dispositivi amovibili di trasmissione meccanica; g) quasi-macchine.

ART. 3 (Immissione sul mercato e messa in servizio) - D.Lgs. 17/2010

  1. Possono essere immesse sul mercato ovvero messe in servizio unicamente le macchine che soddisfano le pertinenti disposizioni del presente decreto legislativo e non pregiudicano la sicurezza e la salute delle persone e, all'occorrenza, degli animali domestici o dei beni, quando sono debitamente installate, mantenute in efficienza e utilizzate conformemente alla loro destinazione o in condizioni ragionevolmente prevedibili.
  2. Possono essere immesse sul mercato unicamente le quasi-macchine che rispettano le pertinenti disposizioni del presente decreto legislativo.
  3. Il fabbricante o il suo mandatario, prima di immettere sul mercato ovvero mettere in servizio una macchina:
  1. si accerta che soddisfi i pertinenti requisiti essenziali di sicurezza e di tutela della salute indicati nell'allegato I;

  2. si accerta che il fascicolo tecnico sia disponibile;

  3. fornisce in particolare le informazioni necessarie, quali ad esempio le istruzioni;

  4. espleta le appropriate procedure di valutazione della conformità;

  5. redige la dichiarazione CE di conformità e si accerta che la stessa accompagni la macchina;

  6. appone la marcatura ‘CE’.

Il fabbricante o il suo mandatario, prima di immettere sul mercato una quasi-macchina, si accerta che sia stata espletata la seguente procedura:

sia preparata la documentazione tecnica pertinente;
siano preparate le istruzioni per l'assemblaggio;
sia stata redatta la dichiarazione di incorporazione.

   
 

I SERVIZI OFFERTI
Lo studio mette a disposizione la competenza dei suoi tecnici ed offre i seguenti servizi di consulenza:

punto elenco

analisi della macchina ed individuazione del quadro normativo di riferimento

punto elenco

verifica del rispetto di tutti i punti applicabili dei Requisiti Essenziali di Sicurezza

punto elenco

verifica ed analisi dei rischi legati alla macchina

punto elenco

assistenza nella redazione del fascicolo tecnico

punto elenco

assistenza nella redazione del manuale d’uso e manutenzione

punto elenco

assistenza nelle fasi di certificazione

punto elenco

progettazione di macchine utensili

punto elenco

componentistica meccanica, elettromeccanica, pneumatica e oleodinamica

   
 

Per ulteriori informazioni:

tel.            0523 33 88 44

fax            0523 33 88 44

e-mail      info@studiorebessi.com